Cosa fare per proteggere i capelli dal cloro?

Cosa fare per proteggere i capelli dal cloro?
3.7 su 15 voti

Andare in piscina è un classico dell’estate, ma spesso a pagarne il prezzo sono i nostri capelli. Il cloro contenuto nell’acqua, infatti, rende i capelli più secchi e più fragili, e può anche fare sbiadire la tinta o dare una colorazione verdastra ai capelli biondi. Esistono però diversi modi per evitare i danni dovuti al cloro, che vi permetteranno di godere di una chioma splendida pur andando in piscina..

 

5 modi per proteggere i tuoi capelli dal cloro

1) Indossare una cuffia: sembra un’ovvietà, ma utilizzare una cuffia per i capelli è uno dei metodi migliori per evitare di avere i capelli rovinati dal cloro. La cuffia eviterà che i capelli si bagnino, che la tinta sbiadisca e che i capelli siano esposti al cloro. Questo è il metodo ideale per chi non vuole utilizzare prodotti sui capelli, e per chi va in piscina soltanto occasionalmente. Dal momento che le cuffie sono piuttosto economiche e possono essere riutilizzate, è anche un metodo poco costoso.

2) Bagnare i capelli prima di entrare in acqua: potrebbe sembrare un consiglio poco intuitivo, eppure funziona molto bene. I capelli, infatti, sono naturalmente porosi: bagnandoli abbondantemente con acqua pulita prima di entrare in piscina, quindi, l’acqua trattata con il cloro non riuscirà a penetrare nel capello. Se possibile, quindi, sciacquatevi e fate una doccia fresca prima di entrare in piscina: i vostri capelli vi ringrazieranno.

3) Utilizzare un olio per capelli: questo consiglio si basa sullo stesso concetto del precedente. Applicando uno strato di olio sui capelli prima di entrare in acqua sarà possibile creare una barriera che impedirà all’acqua trattata con il cloro di raggiungere i vostri capelli; inoltre, utilizzando un olio nutriente per i capelli – come quello di oliva o di cocco, oppure un olio specifico acquistato in un negozio di cosmetici – regalerete ai vostri capelli un trattamento idratante il cui effetto verrà intensificato dal calore. L’utilizzo dell’olio può essere combinato a quello della cuffia; in questo modo i capelli saranno protetti anche dalla luce diretta del sole, che tende a schiarire e seccare i capelli. Fate attenzione però: in alcune piscine è vietato entrare in acqua utilizzando prodotti oleosi.

4) Utilizzare un balsamo senza risciacquo: si tratta di un metodo simile al precedente, ma che utilizza un prodotto a base acquosa e che dunque è adatto anche a quelle piscine in cui i prodotti oleosi sono vietati. Esistono moltissimi balsami senza risciacquo sul mercato, e alcuni di questi sono specifici per il mare e la piscina. Il balsamo potrà essere utilizzato anche dopo aver lavato i capelli, per mantenerli morbidi e idratati.

5) Lavare i capelli dopo il bagno: qualsiasi metodo abbiate scelto per proteggere i vostri capelli dal cloro, certamente una volta usciti dall’acqua dovrete lavarli. In commercio esistono shampoo specifici per neutralizzare il cloro; qualsiasi shampoo per capelli normali andrà comunque bene, ricordando di applicarlo anche sulle lunghezze per eliminare ogni traccia di cloro. Dal momento che il cloro tende a seccare i capelli, ricordatevi di abbondare con il balsamo e di utilizzare, come ultimo step, un siero oppure qualche goccia d’olio per nutrire i capelli.

 

Prodotti per capelli contro il cloro

Tra i prodotti in difesa del cloro, troviamo generalmente quelli per capelli secchi e stressati, utili durante l’estate anche se non si va in piscina. Sole, sale, cloro e piastra sono tutti elementi che possono rovinare il capello. Occorre “massaggiarli con cura” la sera utilizzando un balsamo come il Conditioner di Triswim qui indicato. Per chi ha i capelli lunghi la cuffia alle volte non basta e le persone che lo hanno acquistato hanno constatato i benefici.

 balsamo contro cloro

In alternativa, va benissimo applicare un siero ricco di Olio di Argan, utilizzato sia in ambito alimentare che cosmetico.

 

Prodotti per capelli danneggiati ->>

 

Potrebbero interessarti anche...